L'Arte di Cucinare
Benvenuti in "arte di cucinare" se avete la passione per la buona cucina potete registrarvi al forum e fare le vostre domande
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» buongiorno
Ven Gen 28, 2011 2:42 am Da Miguel

» "ecommerce"100%
Mer Apr 15, 2009 12:32 am Da Miguel

» Presentazione
Sab Ott 25, 2008 7:50 pm Da Miguel

» La salsa catalana qualcuno l ha mai provata?
Sab Ott 18, 2008 12:26 am Da simca

» nuove tecnologie che permettono di avere buoni risultati facendoci risparmiare soldini
Sab Ott 18, 2008 12:21 am Da simca

» buonasera....
Sab Ott 18, 2008 12:13 am Da simca

» osservazione
Ven Set 12, 2008 12:45 am Da Miguel

» presentazione
Sab Ago 23, 2008 1:45 pm Da simona197200

» ricetta visto k nn c'e la ricetta del moito vorei sapere la ricetta esatta
Sab Ago 23, 2008 1:36 pm Da simona197200

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Ottobre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario

Parole chiave

Statistiche
Abbiamo 30 membri registrati
L'ultimo utente registrato è claudette.p

I nostri membri hanno inviato un totale di 127 messaggi in 73 argomenti

il Galateo.... lettera G , H ed I

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

boulet il Galateo.... lettera G , H ed I

Messaggio Da simona197200 il Mar Giu 17, 2008 8:24 pm

Gala

Ricevimento solenne o elegante, richiede un abbigliamento adatto,
prescritto sul bigliettino d'invito: cravatta nera. Ciò stabilisce: smoking
per lui, abito da sera per lei. La signora non porterà il cappello, ma,
eventualmente, una acconciatura sofisticata.

Garden party


Ricevimento all'aperto, in un giardino o in un parco, il garden party
assume i contenuti del lunch quando è un pasto leggero a metà giornata, o
del cocktail se proposto nel tardo pomeriggio.

Gelato

Il gelato richiede il cucchiaino a spatola; se semifreddo: cucchiaio e
forchetta.
ABBINAMENTO DEI VINI:
nessun vino

Gomiti

A tavola, mentre si mangia, i gomiti non vanno appoggiati. Sulla tavola
si tengono solo le mani fino ai polsi.
«Non si dovrebbero tenere le mani sul piatto e neppure appoggiarsi con i
gomiti alla tavola, che è uso proprio di gente malata o dei vecchi»
raccomandava un libretto del 1780, indirizzato ai fanciulli. La motivazione
si trova nel fatto che sulle maniche, mancando il fazzoletto in quanto non
ancora in uso, finiva il muco!
Gomiti accostati al corpo anche quando si beve. Diversamente potrebbe
giustificarsi "l'accusa" di alzare il gomito, ovvero: di eccedere nel bere.

Granturco


Servito intero, bollito od altro, il granturco è uno dei rari legumi
che si possono mangiare utilizzando le dita. Quanto meno durante i pasti
informali.
Servito come insalata il granturco si mangia con la forchetta.
Il granturco non ha nulla a che vedere con la Turchia, alla quale è "legato"
per l'esotismo del nome.
Più propriamente mais, il granturco è originario dell'attuale Colombia e dei
paesi limitrofi.
Coltivato in Messico già prima di 7200 anni fa, rimase il solo cereale
coltivato dagli indigeni dell'America, prima della scoperta. Nel vecchio
continente il mais è arrivato con Cristoforo Colombo.

Grissini

Se molto friabili, i grissini si portano alla bocca interi, onde non
produrre sbriciolamenti. Diversamente, si può preventivamente rompere il
pezzetto da portare alla bocca.
Tipica specialità nata in Piemonte (in dialetto grissin o ghersin) deriva il
nome da ghersa (fila).













Hamburger

Al pari di tutta la carne, anche l'hamburger esige l'utilizzo
contemporaneo di coltello e forchetta.




Indigestione

Non si dice «ho fatto indigestione», ma «sono stato indisposto».
Nell'approssimarsi del malessere si abbandona momentaneamente il
convivio, evitando di disturbare gli altri invitati. Nell'impossibilità di
riprendere il ruolo di invitati perfetti, è preferibile eclissarsi. Il
giorno seguente si telefona alla padrona di casa, pregandola di accettare la
richiesta di scuse.

Invito

Estemporaneo o informale: qualche ora o un paio di giorni sono termini
di preavviso sufficienti per invitare. Il tramite può essere il telefono o
il casuale incontro (mai in presenza di una persona per la quale non è
previsto l'invito). Scadenze più in là nel tempo richiedono una successiva
rinfrescata con un biglietto, pur rimanendo nell'informalità. La risposta,
al pari dell'invito altrettanto veloce e senza i toni dell'ufficialità, non
richiede successive conferme. Si ricambia con un invito dello stesso tipo.
In casa di amici, per un pranzo magari improvvisato, ci si presenta
sempre con qualcosa tra le mani: un dono per il bambino di casa, una
bottiglia di buon vino, un dolce per il dessert, un pensiero floreale.
Riservato a molte persone, ma senza i toni della formalità, l'invito
può iniziare con una telefonata (anche un mese prima) che allerti gli
interessati. La comunicazione può successivamente trovare conferma in un
biglietto d'invito sul quale trovano ospitalità: l'ora, il giorno, il luogo,
l'occasione, la formula P.M. (per memoria). La risposta non è d'obbligo.
Auspicabile, comunque, una telefonata di ringraziamento.
L'anfitrione pondera con molta attenzione le persone da invitare,
evitando di far ritrovare attorno al tavolo ospiti che tra loro hanno degli
attriti (ex coppie, rivali in affari), persone politicamente avverse o di
ambiente sociale molto diverso. A stretto contatto di gomito si
predispongono persone con interessi comuni, favorendo in questo modo la
conversazione.
Il pranzo formale (dove l'esteriorità è regola), anche se limitato a
pochi ospiti, richiede sempre un invito scritto. Il cartoncino d'invito
prevede nell'ordine: nome e cognome dei padroni di casa, ora e giorno, luogo
del pranzo, eventuale motivo dell'invito. In fondo, nell'angolo destro del
cartoncino, la formula RSVP (répondez s'il vous plait) o SPR (si prega
rispondere). L'imposizione dello smoking per gli uomini e dell'abito
elegante per le signore si trova nella formula cravatta nera. La risposta
anche telefonica all'invito deve essere pressoché immediata, agevolando in
questo modo il lavoro a chi organizza la serata. L'omaggio floreale alla
padrona di casa deve giungere prima dell'appuntamento, anche alla vigilia.
Mai presentarsi con un mazzo tra le mani.
La rinuncia ad un invito, giustificata da un eventuale impegno
precedente, deve essere immediata. L'invio di un mazzo di fiori accompagnato
da un biglietto di scuse, recapitato nel giorno e nel luogo del convivio, è
molto signorile.
Un modo raffinato per essere presenti è quello di farsi rappresentare da un
mazzo di fiori, utilizzando nella scelta degli stessi il linguaggio dei
fiori. Ad esempio: calendola (dispiacere), dalia (riconoscenza), fiordaliso
(delicatezza), salvia splendens (stima).
La puntualità è la prima regola per l'invitato. Ritardi o anticipi
molto accentuati sull'ora definita, sono egualmente condannabili.
Disdire o rimandare un invito già diffuso implica motivi più che
validi: una malattia,, un impegno improvviso, un lutto. L'anfitrione, se non
impossibilitato per malattia o lutto, telefona personalmente ad ogni
invitato, spiegando le ragioni. Con l'occasione preannuncia la nuova data o
rimanda l'invito ad un momento migliore.
L'ospite inatteso, rimorchiato da altri invitati, accettabile solo
nelle occasioni informali, non deve portare scompiglio all'ordine della
serata. Potendosi trattare di una esclusione voluta, in quanto non gradito
ad altri invitati, sarebbe opportuno tastare l'accettabilità con una
telefonata.
avatar
simona197200

Femminile
Numero di messaggi : 44
Età : 45
Umore : buono
Data d'iscrizione : 31.05.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum